Vai menu di sezione

Servizio riabilitazione

Il nostro pensiero si fonda sul concetto che si debbano preservare il più a lungo possibile le autonomie dell’individuo.

È per questo motivo che l’approccio riabilitativo va inteso in senso ampio e deve guardare al quadro globale della persona, estendendosi a tutto l’arco della sua giornata, a partire dall’attenzione all’igiene, alla vestizione, alla mobilizzazione, al consumo dei pasti, ai momenti di terapia fisica ed a quelli di socializzazione, passando per la condivisione degli obiettivi e trasferimento delle competenze a tutti i membri dell’equipe ed ai famigliari.
A questo scopo i fisioterapisti collaborano con il personale socio assistenziale ed infermieristico per condividere il progetto per il mantenimento dell’autonomia della persona definito nel P.A.I. ed affiancare gli operatori durante la giornata.
Con riferimento alla diagnosi ed alla eventuale prescrizione del medico, il fisioterapista:

  • pratica una valutazione funzionale;
  • elabora, in sintonia con il P.A.I., il programma riabilitativo;
  • pratica attività terapeutica per la rieducazione funzionale delle disabilità motorie, psicomotorie e cognitive utilizzando terapie fisiche, manuali, massoterapiche e occupazionali;
  • propone l’adozione di ausili, attrezzature, protesi e presidi strumentali per la riabilitazione, istruisce all’uso il Residente, il personale ed i parenti e ne verifica l’efficacia;
  • verifica le rispondenze della metodologia riabilitativa attuata agli obiettivi di recupero funzionale.

Tutti i programmi di riabilitazione sono registrati nella Cartella Riabilitativa informatizzata del Residente, e portati all’attenzione dell’Equipe Multidisciplinare per la verifica periodica degli stessi.

Pagina pubblicata Martedì, 10 Ottobre 2017
torna all'inizio del contenuto